Crea sito
 ESCAPE='HTML'

Nella stagione dell’Estate piena, la luce trionfa ed anche a livello simbolico tutto ciò che è piccolo, oscuro, indurito o trattenuto sembra illuminarsi e sciogliersi nel caldo flusso di energia che lo pervade. La qualità che manifesta il Fuoco del Leone è il potere irradiante del Sole, fonte di luce e calore per il sistema planetario che gli ruota intorno, centro gravitazionale da cui si propaga l’energia vitale. E’ il Fuoco del Leone che, lasciatosi alle spalle l’impeto irruente che aveva in Ariete, esalta la forza realizzatrice del principio maschile. Dunque accende ed esalta le doti solari, cioè la volontà, la fierezza, la coscienza di sé e l’amore per se stessi, la pienezza dell’Io che si espande in tutta la sua autorevolezza e che, collocandosi al centro del suo sistema di esperienze e di rapporti, come il Sole diffonde energia, calore, luce, tutto controlla, tutto domina.

COME VIVERLO PER STARE BENE

Entrare in contatto profondo con le vibrazioni del Fuoco di Agosto significa portarne la luce e la forza vivificante nella propria vita. Anche il corpo assorbirà più intensamente le potenti vibrazioni energetiche di questo Fuoco se vi esporrete al sole, concentrandovi sull’assorbimento di energia che nutre tutte le cellule. Proponetevi poi di essere più generosi con gli altri e con voi stessi, perdonate i piccoli torti, ma esigete rispetto e, se avete la tendenza alle rinunce o al vittimismo, combattetele con la fiducia e l’ottimismo. Cercate di rinforzare l’autostima e, se per questo vi occorrerà spendere un po’ di denaro in più, migliorare la vostra immagine o aumentare gli impegni mondani, ascoltate sempre le vostre esigenze: l’eleganza è una virtù solare che può diventare un vostro personalissimo segno di distinzione.

DolceLuna

 ESCAPE='HTML'

La qualità del tempo – E’ il trionfo della luce e del calore, il fuoco costante del Sole spadroneggia sulla natura, portando i frutti a maturazione: gli danno man forte le prime piogge, che rinfrescano la vegetazione assetata. Una natura calda, espansiva, generosa e molto consapevole di sé accomuna tutto ciò che nasce in questo mese. I nativi hanno il segno del comando, portati a brillare come il sole estivo ed a dominare con autorevolezza.

La pietra – sardonice – Molto preziosa, secondo antiche tradizioni, questa gemma garantisce successo, felicità, salute a tutti coloro che la portano, a qualunque segno appartengano: l’ideale è indossarla alla mano destra, montata come anello. Questa gemma esercita il suo potere soprattutto a livello psichico, contribuendo a rinforzare il carattere, a placare le discordie ed i conflitti interiori, favorendo vivacità, audacia, allegria e scacciando le malinconie. Simboleggia anche la complicità e l’amicizia tra uomo e donna.

Il vegetale – girasole – Classico simbolo d’Agosto e della forza del Sole, al quale volge la corolla con ostentazione, si lega al mito di Clizia, così innamorata del dio solare Apollo, che quando la lasciò preferì morire d’inedia. Perciò nel linguaggio dei fiori, il girasole significa sentimento caparbio e lancia il messaggio “tu sei tutto per me”.

L’animale – ape – Proprio per il suo colore, che richiama la preziosità dell’oro, la dolcezza del miele e la saggezza simbolo della cera, visto che con essa si fabbricano le candele, ben simboleggia il mese d’Agosto. L’ape è il portafortuna ideale per chi ricopre cariche importanti, infatti l’alveare è organizzato gerarchicamente come un’azienda o uno Stato. Non a caso, in Egitto, il geroglifico dell’ape significava “ragalità”.

La festa – Lughnasadh (1° Agosto) – Antica celebrazione celtica, dedicata al dio Lug nel suo aspetto regale, promotore di ricchezza. A istituirla era stato il dio stesso, in onore della madre adottiva Tailtiu, una presunta divinità che significava la terra fertile. Era una grande festa di ringraziamento per i raccolti, che si svolgeva tra gare di forza e di poesia, assemblee militari e giuridiche, fiere di cavalli e feste nuziali.

DolceLuna

 ESCAPE='HTML'