Crea sito
 ESCAPE='HTML'

Dal Latino November, nono mese dell'antico calendario romano, dedicato al suffragio dei defunti. Influenzato da Plutone, promuove la volontà ed il coraggio.

OGNISSANTI

 

La festa di tutti i Santi celebrata il 1° novembre si diffuse nell’ Europa latina nei secoli VIII-IX. Con questa festa si onorano non solo i santi iscritti nel Martirologio romano e nel calendario delle singole Chiese, ma tutti i trapassati che godono di gloria del paradiso. La tradizione popolare vuole che la sera si rimanga in casa a recitare il rosario e a preparare qualcosa per sfamare i cari defunti che viene lasciato sul tavolo tutta la notte. Il mattino bisogna alzarsi molto presto per andare a messa e per lasciare i letti liberi e rifatti affinché le anime dei morti si possano riposare dopo aver vagato tutta la notte.

Da fare con la Luna Crescente

FRUTTETO - Predisporre i nuovi impianti di cotogno,drupacee, melo, pero. Ultimare gli impianti di lampone, mora, ribes e uva spina.

ORTO - Seminare a dimora all’aperto:pisello primaverile. A dimora protetta: ravanello.

GIARDINO - Interrare i bulbi a fioritura precoce e primaverile-estiva. Trapiantare le erbacce biennale. Piantare:alberi e arbusti, nuovi ceppi di rosa, siepi a foglia caduca.

Da fare con la Luna Calante

FRUTTETO - Raccogliere le foglie e usarle per la preparazione di terriccio. Distribuire la pacciamatura alla base di alberi e arbusti. Effettuare la pulizia e la disinfezione di tronco e branche. Concimare.


ORTO - Seminare a dimora protetta: lattuga e radicchio da taglio, rucola, valerianella. Lavorare il terreno per le piantagioni primaverili. Pulire, vangare e letamare il terreno delle prode giunte a fine ciclo. Rincalzare il carciofo. Scalzare l’asparago. Imbianchire: cardo, indivia riccia, porro.


GIARDINO - Potare alberi e arbusti a foglia caduca, glicine, rosa, siepi. Preparare il terreno per le nuove piantagioni. Eseguire le operazioni di zappettatura e concimazione con letame maturo. Togliere dal terreno e conservare i tuberi di dalia.

 ESCAPE='HTML'

Vasco, dallo Spagnolo “basco” o “bizzarro”, ricorrenza il 1/11. Portafortuna: venerdì, ciclamino, 6.

Azzurra, dal Persiano “blu”, ricorrenza il 1/11. Portafortuna: giovedì, nastro azzurro, 3.

Deborah, dall’Ebraico “ape” o “loquace”, ricorrenza il 1/11. Portafortuna: sabato, ape d’oro, 8.

Giada, dallo Spagnolo “pietra del fianco”, ricorrenza il 1/11. Portafortuna: domenica, giada, 4.

Jasmine, dal Persiano “gelsomino”, ricorrenza il 1/11. Portafortuna: sabato, gelsomino, 8.

Lara, dal Celtico “acqua di mare”, ricorrenza il 1/11. Portafortuna: mercoledì, conchiglia, 5.

Lavinia, dal Greco “popolo”, ricorrenza il 1/11. Portafortuna: mercoledì,occhio di gatto, 5.

Ombretta, dal Latino “piccola ombra”, ricorrenza il 1/11. Portafortuna: domenica, piramide, 4.

Orazio, dal Greco “chiaroveggente”, ricorrenza il 1/11. Portafortuna: giovedì, pavone, 3.

Tobia, dall’Ebraico “Dio è buono”, ricorrenza il 2/11. Portafortuna: lunedì, mirto, 2.

Silvio, dal Greco “legno”, ricorrenza il 3/11. Portafortuna: martedì, sambuco, 9.

Carlo, Carolina, dal Germanico “uomo libero”, ricorrenza il 4/11. Portafortuna: domenica, alloro, 4.

Elisabetta, dall’Ebraico “Dio è giuramento”, ricorrenza il 5/11. Portafortuna: domenica, girasole, 4.

Leonardo, dal Germanico “ardito come un leone”, ricorrenza il 6/11. Portafortuna: giovedì, leone, 3.

Ernesto, dal Germanico “severo” o “aquila”, ricorrenza il 7/11. Portafortuna: venerdì, giada, 6.

Tamara, dall’Ebraico “palma”, ricorrenza il 10/11. Portafortuna: martedì, palma o fucsia, 9.

Martino, dal Latino “dedicato al Dio Marte”, ricorrenza l’ 11/11. Portafortuna: martedì, drago, 9.

Renato, dal Latino “nato due volte” o “battezzato”, ricorrenza il 12/11. Portafortuna: domenica, curry, 1.

Livio, dal Latino “livido, scuro”, ricorrenza il 12/11. Portafortuna: domenica, incenso, 4.

Diego, dal Greco “dottrina, istruzione”, ricorrenza il 13/11. Portafortuna: domenica, libricino, 4.

Alberto, dal Germanico “nobiltà splendente”, ricorrenza il 15/11. Portafortuna: domenica, ambra, 1.

Arturo, dall’Irlandese “orso”, ricorrenza il 15/11. Portafortuna: giovedì, orso in peluche, 3.

Margherita, dal Latino “perla”, ricorrenza il 16/11. Portafortuna: giovedì, perla o margherita, 3.

Omar, dall’Arabo “amare”, ricorrenza il 16/11. Portafortuna: lunedì, semi di zucca, 2.

Fausto, dal Latino “propizio”, ricorrenza il 16/11. Portafortuna: domenica, specchietto, 1.

Aurora, dal Latino “aurora”, ricorrenza il 19/11. Portafortuna: lunedì, farfalla bianca, 2.

Cecilia, dal Greco “cieca”, ricorrenza il 22/11. Portafortuna: venerdì, nota musicale oro, 6.

Clemente, dal Latino “capace di perdono”, ricorrenza il 23/11. Portafortuna: mercoledì, penna, 5.

Lucrezia, dal Latino “guadagno”, ricorrenza il 23/11. Portafortuna: mercoledì, monetina bucata, 5.

Flora, dal Latino “Dea della vegetazione”, ricorrenza il 24/11. Portafortuna: lunedì, loto, 7.

Caterina, dal Greco “pura”, ricorrenza il 25/11. Portafortuna: sabato, marrone, 8.

Curzio, Kurt, dal Latino “tronco”, ricorrenza il 26/11. Portafortuna: lunedì, rana d’argento, 2.

Gustavo, dallo Scandinavo “scettro”, ricorrenza il 27/11. Portafortuna: venerdì, verbena, 6.

Bianca, dal Germanico “lucente”, ricorrenza il 28/11. Portafortuna: giovedì, diamante, 3.

Andrea, dal Greco “forza, virilità”, ricorrenza il 30/11. Portafortuna: lunedì, goccia di cristallo, 7.

 ESCAPE='HTML'

Nella Floriterapia, il Guaritore del segno dello Scorpione, che governa il mese di Novembre, è Gentian (nella foto). Alla natura scorpionica si associano anche Holly e Mustard.

GENTIAN – La genziana è una pianta che cresce in zone montane e ha grandi fiori dal colore blu-violetto. Risente molto delle condizioni esterne, in particolare della mancanza di acqua, che ne causa l’appassimento e l’indebolimento generale, da cui si riprende a fatica. In questo Gentian ricorda il lato pessimista dello Scorpione, segno che non accetta sconfitte, che ama i toni drammatici e preferisce spezzarsi piuttosto che piegarsi. Il tipo Gentian tende appunto a drammatizzare le situazioni negative, a ingigantire gli ostacoli e le difficoltà che incontra sul suo cammino. Gli insuccessi lo mortificano e lo rendono rinunciatario: se una parte di progetto a cui tiene non va a buon fine, è capace di distruggere anche quella che è riuscito a realizzare. I bambini Gentian sono ansiosi e si demoralizzano facilmente: basta anche solo un brutto voto scolastico. Si sentono oppressi da responsabilità più grandi di loro. L’azione equilibratrice: aiuta a conquistare il dono della fiducia in se stessi, negli altri e nel destino ed a rendersi conto che difficoltà e sconfitte vanno accettate e superate, come parti necessarie del cammino di ognuno.

HOLLY – Si tratta dell’agrifoglio, pianta ornamentale usata soprattutto nel periodo natalizio. Ha bacche rosse (colore dell’ira) e foglie dure e spinose, capaci di ferire chi le tocca. Così è il tipo Holly: irascibile, portato a tenere rancore e, proprio come lo Scorpione, a non dimenticare i torti subiti. E’ sempre sulla difensiva, pronto a punire chi, a suo avviso, lo offende o lo danneggia in qualche modo. I bambini Holly sono permalosi, collerici e spesso fanno a botte. Inoltre, nutrono sentimenti di gelosia verso i fratelli, specialmente quelli più piccoli, poiché ricevono maggiori attenzioni di loro. L’azione equilibratrice: grazie a questo rimedio floreale è più facile non vedere il male ovunque. E dove c’è il male, a comprenderlo e perdonarlo.

MUSTARD – E’ la pianta dai cui semi si ricava la senape. Come il tipo Gentian, il tipo Mustard esprime il lato più cupo della natura scorpionica, quello che può perdersi nei tormenti interiori, nella mancanza di speranza, nell’ipersensibilità verso tutto ciò che è dolore e negatività. La principale differenza tra i due tipi floreali si traduce nel fatto che Mustard attraversa fasi di depressione non riconducibili ad alcun evento scatenante ben definito. I bambini Mustard sono silenziosi e malinconici. A volte si isolano e piangono senza saperne spiegare il motivo. L’azione equilibratrice: aiuta ad allontanare tristezza e malinconia, a riscoprire la gioia di esistere e a dare il giusto valore agli aspetti positivi della vita.

 ESCAPE='HTML'

“Allora sorgerà la guerra per un tempo sulla terra…Sarà un’era di spade e di scuri….Il Sole si oscurerà, la Terra sprofonderà nel mare, precipiteranno dal cielo le stelle lucenti…Molte cose l’indovina sa e lontano scorge il terribile fato del mondo e degli Dei. Ma lei vede levarsi un’altra volta la Terra dal mare di nuovo rinverdita:scrosciano le cascate e in alto l’aquila vola” (Edda, Volospa)

 

LA SORGENTE

E’ una profezia contenuta nel primo poema dei Carmi norreni, “Edda”, il libro sacro degli antichi popoli nordici. Mistici e veggenti di ogni latitudine hanno presagito il crollo, ma hanno anche accresciuto la speranza degli umani, prospettando la nascita di un mondo nuovo e migliore sorto sulle rovine del vecchio. Così la profezia maya, così fa l’antica veggente nordica, così fa l’Apostolo Giovanni, visionario dell’Apocalisse, quando scrive: “Vidi poi un nuovo cielo ed una nuova Terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi ed il mare non c’era più. Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo.” (21, 1-2)

DISSETARSI FA BENE

Il destino ultimo dell’umanità non può essere la distruzione, ma il rinnovamento. Così è per ogni vita umana, che dopo la morte non perisce, ma si rinnova mutando stato, che sia l’al di là perenne o un nuovo karma, poco conta. Così sarà per la nostra civiltà: sono previsti gli scossoni epocali, ma è anche prevista, sotto una nuova, forse ancora impensabile, forma, la sua resurrezione. Il mondo divino non può aver creato la Terra per farne un “atomo oscuro del male”, come scriveva il Pascoli, ma l’ha creata perché diventa il “Cosmo dell’amore”. Pertanto, evitiamo di farci prendere da eventuali paure: con le tecniche rilassanti, con la meditazione, con la preghiera, con tutto ciò che ci dona sorrisi, indirizziamo mente e cuore all’idea che potremmo assistere alla comparsa di un nuovo mondo.

 ESCAPE='HTML'

GLI INGRESSI DEI PIANETI DI NOVEMBRE 2012

14 Novembre h. 08,42 Mercurio retrogrado in Scorpione: sospetti, invidie non dichiarate, determinazione a comprendere argomenti profondi e complessi, strategie valide, ma da rivedere.

17 Novembre h. 03,36 Marte in Capricorno: lode e sfide professionali, rilancio di ambizioni accantonate, sforzi in vista di gare sportive, passione controllata, ma intensa.

21 Novembre h. 22,50 Sole in Sagittario: emozioni, grande generosità, voglia di viaggi e di contatto con la natura, ideali coraggiosi ma ingenui, sostenuti con forza, investimenti redditizi all’estero.

22 Novembre Venere in Scorpione: sentimenti intensi e possessività, amore misto a gelosia, forte sensualità e passione erotica, gusto per il mistero.

GLI ASPETTI PRINCIPALI

3 Novembre h. 18,27 Venere in Bilancia in quadratura a Plutone in Capricorno: profonda delusione amorosa, sospetti e gelosia nei riguardi del partner, sentimenti e rivalità non dichiarati, segreti d’amore. Segni in gioco: Ariete, Cancro, Bilancia, Capricorno.

9 Novembre h. 08,26 Venere in Bilancia in trigono a Giove in Gemelli: inizio di una relazione tenera e divertente, viaggio con la persona del cuore, creatività in ascesa. Segni in gioco: Gemelli, Bilancia, Acquario.

14 Novembre h. 01,02 Mercurio in Sagittario in quadratura a Nettuno in Pesci: progetti inconcludenti, difficoltà durante un viaggio, trattative fumose di cui diffidare. Segni in gioco: Gemelli, Vergine, Sagittario, Pesci.

17 Novembre h. 15,22 Marte in Capricorno in sestile a Nettuno in Pesci: strategia ed impegno per raggiungere un obiettivo, ideali umanitari coraggiosi, spiritualità. Segni in gioco: Toro, Scorpione, Capricorno, Pesci.

22 Novembre h. 08,11 Sole in Sagittario in quadratura a Nettuno in Pesci: spontaneità e generosità eccessive, gusto della sfida fine a se stessa, fuga dalle responsabilità. Segni in gioco: Gemelli, Vergine, Sagittario, Pesci.

22 Novembre h. 09,59 Venere in Scorpione in trigono a Nettuno in Pesci: sentimento romantico e profondo, amore per la poesia e per la musica, telepatia con le persone care. Segni in gioco: Cancro, Scorpione, Pesci.

23 Novembre h. 11,05 Marte in Capricorno in quadratura a Urano in Ariete: azioni rischiose per la carriera, rischio negli sport estremi, collere improvvise e colpi di testa. Segni in gioco: Ariete, Cancro, Bilancia, Capricorno.

24 Novembre h. 23,51 Marte in Capricorno in sestile a Saturno in Scorpione: volontà ed energia finalizzate a una meta importante, resistenza alle difficoltà, traguardi sportivi ambiziosi, raggiunti grazie a grande impegno. Segni in gioco: Vergine, Scorpione, Capricorno, Pesci.

27 Novembre h. 02,19 Venere in Scorpione congiunta a Saturno in Scorpione: paura di arrendersi al sentimento, passione e gelosia sotto controllo. Segni in gioco: Cancro, Scorpione, Pesci.

27 Novembre h. Marte in Capricorno congiunto a Plutone in Capricorno: risorse energetiche insospettate, desiderio erotico e passione profonda. Segni in gioco: Ariete, Leone, Sagittario.

29 Novembre h. 23,33 Venere in Scorpione in sestile a Marte in Capricorno: perfetto amalgama di sesso e sentimento, unione appagante e fedele, fortuna nelle imprese. Segni in gioco: Vergine, Scorpione, Capricorno, Pesci.

SE DESIDERI L’AMORE – Il bello attira il bello, il ricco attira il ricco…ma attenzione a come ti proponi, perché il superficiale attira il superficiale.

SE CERCHI RAPPORTI D’AFFARI – Il comfort abitativo è il sogno di tutti, per cui nei viaggi saremo sempre spinti a cercare attività immobiliari, commerciali, settori in cui si prevedono ampliamenti di orizzonti, amici ed affari.

SE VUOI STARE BENE CON TE STESSO – Anche se si appartiene ad un Segno che di solito, preferisce la riservatezza, per stare bene hai bisogno di non annoiarti, di non avere intorno a te gente brillante, impegnata intellettualmente o negli affari, che ti stimoli a tutti i livelli.

UN CONSIGLIO PER TUTTI – Stimola cuore e mente, in particolare assistendo a spettacoli teatrali o musicali o del genere preferito.

 ESCAPE='HTML'